RITORNO ALLA CASA ABRIGO:

15 Marzo. I bambini ci chiedono di ritornare all'Abrigo per portare dolci ai loro amichetti. Li' ci accoglie la tia Lucy, molto abile ad acconciare i capelli ribelli di Leticia. Ne aprofittiamo cosi' per imparare. E' in questa occasione che scopriamo infelicemente di aver adottato anche altri simpatici amichetti: i pidocchi di Leticia!

Andiamo via con un profondo sentimento di malinconia, sapendo che questa sara' l'ultima volta che i fratellini vedranno i loro "compagni di solitudine".

 
 

MARCELLO E EDA:

16 Marzo. Purtroppo il visto per l'ingresso dei nostri figli in Italia non e' ancora arrivato quindi dobbiamo aspettare Lunedi' 19.

17 Marzo. Ancora una piccola presa di posizione di Leticia ci porta ad un braccio di ferro che dobbiamo per forza vincere per non perdere credibilita' ai loro occhi. Risultato: Alessia in albergo con la piccola in castigo e Aldo e Leandro al "Parco di Monica", un parco giochi a misura di bambino. La sera una gradita visita: Marcello e Eda, due amici di Nonna Bruna. Lui e' genovese, ma brasiliano da circa 60 anni, lei e' paulista. Ci portano in un bel ristorantino italiano. Per noi un rilassante diversivo in lingua italiana, per i fratellini un gradito approccio al nostro cibo

 

MEMORIAL DO IMIGRANTE:

18 Marzo. Piove abbondantemente! Cosa facciamo? Decidiamo in un momento di tregua piovasca di visitare il "Memorial do Imigrante". Un museo con varie riproduzioni degli ambienti di vita tra l'otto e il novecento dei pioneri di tutto il mondo arrivati a Sao Paulo, tra cui moltissimi italiani. Qui I bambini salgono per la prima volta su di un treno, e che treno: una locomotiva a vapore del 1920 traina due carrozze perfettamente in stile d'epoca.

SI PARTE !:

20 Marzo. Marcia telefona ad un'agenzia di viaggi locale e ci avverte della possibilita' di acquistare 4 biglietti aerei ad un buon prezzo per partire la sera stessa! Lo scotto, oltre al costo, e' uno scalo a Madrid (il volo e' "Iberia"). Il nostro tempo di reazione e' immediato....... si torna a casa!

.....ma qui comincia un'altra storia!