Scriviamo questo racconto per ricordo nostro e dei nostri figli nella speranza che possa aiutare qualche coppia in procinto di adottare, tenendo presente che ogni esperienza e’ diversa e unica.

 

BREVE INTRODUZIONE

Genova, Marzo 2007,

Siamo Aldo (50) e Alessia (36) De Scalzi, sposati da 8 anni.
Siamo arrivati all’idea dell’adozione a giugno del 2005.
Il tribunale dei minori di Genova ci ha consegnato l’idoneita’ a maggio 2006 e a giugno 2006 ci siamo incontrati con Maria Pia e Claudio della SJAMO di Albenga, ai quali abbiamo affidato la nostra speranza di futuri genitori, dando la nostra disponibilita’ di adozione in Brasile per uno o due bambini.

ABBINAMENTO
25 novembre 2006, ore 20.30, casa De Scalzi, squillo del telefono, disputa per la risposta, tocca a Aldo: “Pronto, sono Maria Pia della SJAMO, abbiamo un abbinamento dal Brasile per due fratellini, un maschio e una femmina, per ora non vi posso dire altro, ci vediamo tra una settimana qui ad Albenga”.
A questo punto salteremmo la settimana fino a qui piu’ bella ma anche la piu’ ansiogena e curiosa: non sapevano ancora ne’ nomi ne’ eta’, ma erano gia i nostri figli!
L’incontro successivo ad Albenga e’ con Claudio che ci espone la condizione di salute (buona) dei fratellini, la loro eta’ e i nomi: Leticia e Leandro di 6 e 8 anni e dulcis in fundo le foto!! Ecco, ora erano proprio loro!

 

PARTENZA

5 Febbraio 2007, partenza per Sao Paulo, Brasile. Rigorosamente accompagnati all' aeroporto dai "nonni". Piccolo dettaglio: 2 valigie sono le nostre e una e’ praticamente vuota, pronta anche lei ad accogliere

 

6 Febbraio, arrivo alle 7 del mattino locali circa. L’appuntamento e’ con Marcos (collaboratore locale della SJAMO) all’unico Bar dell’aeroporto. Qui, inoltre, ci incontriamo con un’altra coppia italiana con lo stesso nostro sogno.
Un giorno intero ci servira’ per adattarci al clima (rovente e allo stesso tempo piovoso) locale e all’atmosfera brasiliana.

L'ATTESA

7 Febbraio, dopo una notte insonne (non per il caldo!) alle 9 del mattino ci viene a prendere Marcia (compagna di Marcos, nonche’ avvocato e coordinatrice per la SJAMO di tutte le pratiche necessarie e molto di piu’!).
Meta: il Forum di Lapa, tribunale che si occupa del "processo" dei 2 fratellini.

 

E’ dal 25 novembre che ci immaginiamo il momento del primo incontro, ogni giorno con una sceneggiatura diversa.
Arrivano i bambini, sono bellissimi e …….. la sceneggiatura la scrivono loro: ci saltano al collo chiamandoci “mai” e “pai”, indicandoci nelle foto che avevamo loro spedito a suo tempo e toccandoci per avere conferma, finalmente, della nostra esistenza materiale.

Le nostre emozioni? ........ e’ impossibile ridurle a parole e siamo sicuri che anche quello che traspare da quei pochi fotogrammi che la “tia” Marcia e’ riuscita a rubare non potra’ mai trasmettere quello che si muoveva dentro di noi

Inizia cosi’ il cosiddetto periodo di convivenza (30gg alla sentenza del giudice).

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now